Documento unitario CGIL, CISL, UIL

Documento unitario CGIL, CISL, UIL

cgilcisluil_large.jpg

La crisi del nostro Paese è sempre più drammatica. La riduzione dell’apparato produttivo, la disoccupazione e la perdurante assenza di investimenti, connotano la condizione attuale dell’economia italiana. La disattenzione ai temi del lavoro impedisce di intraprendere una strada che, frenando la caduta libera della nostra economia, permetta di riprendere fiducia e di tornare a crescere.

CGIL CISL e UIL ritengono urgente che il tema del lavoro, in tutte le sue componenti, torni al centro delle scelte politiche ed economiche e indicano i provvedimenti urgenti ed indispensabili per aprire una nuova fase:

1. dare soluzione a quelle emergenze che alimentano la disoccupazione. In particolare serve: – il rifinanziamento della CIG e mobilità in deroga; – il completamento dell’effettiva salvaguardia degli “esodati”. 2. ridurre le tasse ai lavoratori dipendenti, ai pensionati e alle imprese che faranno assunzioni nel prossimo biennio, destinando automaticamente a tale scopo le risorse derivanti da un’efficace lotta all’evasione fiscale, reato di cui va sancita la natura penale. 3. rilanciare politiche anticicliche prevedendo ad esempio la possibilità per i Comuni che hanno risorse, di fare investimenti e di avviare i cantieri già deliberati, fuori dal patto di stabilità. In questa direzione il provvedimento per il pagamento dei crediti alle imprese è un primo segnale positivo. 4. ammodernare e semplificare la Pubblica Amministrazione non attraverso tagli lineari, ma con la riorganizzazione e l’efficacia del suo funzionamento, con il contenimento della legislazione concorrente ed eliminando tutte le formalità inutili che rallentano le decisioni. È fondamentale, per sostenere la crescita, investire nella scuola pubblica, nell’università, nella ricerca pubblica e privata e nell’innovazione. 5. ridurre i costi della politica è la condizione per buone istituzioni e buona politica. Si tratta, da un lato, di riordinare e semplificare l’assetto istituzionale ed amministrativo del Paese, seguendo quanto già fatto dagli altri partner europei e, dall’altro, di tagliare con decisione gli sprechi e i privilegi che non sono compatibili con l’efficienza e la buona amministrazione. 6. definire una politica industriale che rilanci le produzioni, valorizzando le imprese che investono in innovazione e ricerca e che salvaguardano l’occupazione e le competenze. Inoltre vanno definiti: – uno strumento di contrasto alla povertà e il finanziamento della non autosufficienza; – la proroga per i contratti precari della Pubblica Amministrazione e della Scuola in scadenza; – la riforma dell’IMU, esonerando solo i possessori di un’unica abitazione, con un tetto riferito al valore dell’immobile.

Queste sono le scelte per arrestare la caduta del sistema produttivo e fare ripartire la crescita creando nuove opportunità di lavoro. Investimenti, redistribuzione del reddito, ripresa dei consumi sono le condizioni essenziali per sostenere la ripresa della nostra economia. Le parti sociali sono impegnate al rinnovo dei contratti di lavoro e nella scelta di salvaguardare l’occupazione, anche attraverso gli ammortizzatori sociali e i contratti di solidarietà, nonché ad individuare come correggere le iniquità della legge sulle pensioni.

CGIL CISL e UIL di Puglia sosterranno queste rivendicazioni con la mobilitazione che si sostanzierà in manifestazioni  che si terranno il 4 giugno in tutti i territori e che  approderanno il 22 giugno nella grande manifestazione nazionale a Roma.

CGIL CISL UIL di Puglia reputano indispensabile implementare le motivazioni della mobilitazione nazionale con le criticità regionali e territoriali che ostacolano la crescita, che non creano nuove occasioni di lavoro e che stanno determinando il peggioramento della condizione di vita dei lavoratori e pensionati: – accelerare la spesa per gli investimenti, pubblici e privati ed in infrastrutture  per riavviare appalti e cantieri, che offrano occasioni di crescita al settore edile ed all’indotto (strade, ferrovie, opere portuali, edilizia pubblica, ecc.); – dare corso al nuovo piano di smaltimento dei rifiuti guardando l’intera filiera e alle occasioni di crescita occupazionale che deve produrre; – strutturare una rete di servizi sanitari e sociali integrati che dia risposte al bisogno di cura e assistenza; – attivare subito ed al meglio le risorse per le politiche sociali e quelle del Piano d’Azione e Coesione, obbligando gli Ambiti ed i Comuni a spendere le ingenti risorse disponibili per sostenere i lavoratori, i pensionati e le famiglie in questa fase di grave crisi; – impegnare le Amministrazioni Comunali per la definizione di Piani Straordinari per l’occupazione attraverso l’attivazione di lavori per il miglioramento dell’arredo urbano e la salvaguardia del territorio; – rilanciare politiche di sostegno al sistema delle imprese che investono in formazione e ricerca e che producano occupazione e crescita; – velocizzare l’attuazione del Piano Straordinario della Regione a favore dei lavoratori che hanno usufruito degli ammortizzatori sociali in deroga con l’attivazione delle risorse per il sostegno al reddito; – attivare tutte le misure di politiche attive per creare nuove opportunità di lavoro, per stabilizzare quello esistente, per combattere la precarietà.

Commenti